.
Annunci online

rossoantico
vengo da lontano, guardo lontano.


Diario


24 luglio 2011

Ricordi di scuola

Ci sono momenti della nostra vita che sfidando l’incedere del tempo, si fissano indelebili nei recessi della nostra memoria, per poi riaffiorare a distanza di anni richiamati da un evento qualsiasi. L’episodio di cui sto per parlare, avvenne nei primi anni cinquanta, quando frequentavo la terza classe di avviamento industriale(equivalente alla terza media), nell'Istituto "Emanuele Barba" di Gallipoli. La nostra insegnante di Lettere era la professoressa D’Ambrosio, una donnina minuta e curva di spalle, sulla sessantina, zitellona, comunista e attivista sindacale. Ricordo che, quando per una qualche ragione era insoddisfatta del nostro impegno nello studio, ci ammoniva, con l’indice della mano destra brandito come una spada, con la frase: “La scienza infusa non ve la dà nessuno”.

Dal provveditorato erano giunte alcune copie di un libro di cui non ricordo il titolo (una splendida antologia di sei/settecento pagine con brani di romanzi, racconti, poesie, aneddoti), che dovevano essere distribuite gratuitamente, una copia per classe ad esclusiva discrezione dell’insegnante. La signorina D’Ambrosio, non volendo fare un torto a nessuno, poiché accontentando uno avrebbe scontentato tutti gli altri, pensò bene di affidare alla sorte l’ardua scelta; tirò fuori dalla borsetta ventisei bigliettini numerati e arrotolati, precedentemente preparati, chiamò un alunno e gli fece estrarre un biglietto: usci il 15, il numero che sul registro di classe corrispondeva al mio nome! Era uscito il mio numero! Impossibile descrivere la gioia che provai. A parte la mia passione per la lettura (ero un vorace divoratore di libri della biblioteca scolastica), ora avevo un libro tutto mio, l’unico che avessi mai avuto (tranne quelli di testo, sempre di seconda o terza mano). Alla fine dell’anno scolastico, la Professoressa mi chiese del libro, se avessi finito di leggerlo e se mi fosse piaciuto. Le risposi che si, mi era piaciuto moltissimo, tanto che alcuni brani li avevo letti più volte, e che assieme ad alcune poesie, ormai li ricordavo a memoria.(li ricordo ancora adesso, a distanza di oltre mezzo secolo). “Sapevo che il libro sarebbe stato in buone mani e che ne avresti fatto buon uso“, mi disse con un sorriso un po’ complice, “non per niente ho falsificato l’estrazione scrivendo in tutti e ventisei biglietti il numero quindici”.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. scuola ricordi libri

permalink | inviato da rossoantico il 24/7/2011 alle 5:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia     dicembre        agosto
 
 




blog letto 579561 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
01] - agosto 2006
02] - settembre 2006
03] - ottobre 2006
04] - Novembre 2006
05] - Dicembre 2006
06] - Gennaio 2007
07] - Febbraio 2007
08] - Marzo 2007
09] - Aprile 2007
10] - Maggio 2007
11] - Giugno 2007
12] - Luglio 2007
13] - Agosto 2007
14] - Settembre 2007
15] - Ottobre 2007
16] - Novembre 2007
17] - Dicembre 2007
18] - Gen. - Giu. 2008
19] - Lug. - Dic. 2008
Satira
Il Grande Balzo all'Indietro

VAI A VEDERE

l'unità
il veritiere
corriere della sera
la repubblica
la Stampa
articolo21
Qualcosa di sinistra
sapere
l'espresso
aprile
beppegrillo
cronologia
luogocomune
.
climperius
gians
Ivano
Walter
Bruno Cairoli
clerici-vagantes
rosaspina
pdsannicola
terzostato
aegaion
alterego
anthemis
danae
diego
eclissidisole
emaetizi
eta-beta
garbo
Gbestblog
inutileblog
irlanda
leceneri di gramsci
lopinione di fabio
loumogghe
luigirossi
ninetta
Pronta a partire
rinascitanazionale
triton
valigetta
vulcano chimico
Fiore di campo(Gianna)
Chiara
Jericho
il male
Alberto
emozioni
freevoice
Spalmalacqua


Imperiale Claudio

Crea il tuo badge



BlogNews


CERCA